21. mag, 2017

Coraggio per andare e per restare

Qualche giorno fa sfogliando le foto su instagram mi imbatto in quella che vedete riportata qui sopra.... Apro la foto cercando informazioni su chi l'aveva scattata e mi imbatto ( strano scherzo del destino ) in questa ragazza Enrica che proprio con questa foto annunciava il suo viaggio in giro per la Spagna è già camper e via....

Mi sono detta " Ilaria non leggere l'articolo ti verranno strane idee " .Ed invece sapendo le menate che avrei avuto dopo mi sono concessa il lusso di leggere l'articolo di questa ragazza, che con gioia si avvicinava alla sua avventura.

Reazioni?

Scontate, ma vere. Ho rosicato come una pazza e ho iniziato le mille pippe mentali : perchè quando me l'hanno proposto ho detto di no? Perchè non ho il coraggio di farlo anche io ?? Dove lo trovano le persone il coraggio di andare che sia per breve tempo o tanto tempo lasciare lavoro famiglia amici e andare? Come si fa  a non farsi venire l'ansia dei soldi e del lavoro? Un giorno mi ricordo ho veramente fatto la lista dei PRO e dei CONTRO per lasciare tutto e andare, ma anche li con tantissima delusione mi accorsi che avevo la stessa quantità di pro e di contro, questo mi ha fatto pensare che le mie motivazioni per andar via e provare non fossero così forti o che in realtà mi mancasse veramente il coraggio.

Perchè puoi avere tutte le motivazioni del mondo e magari anche le spalle coperte ma se ti manca il coraggio non si va da nessuna parte.

Mi sembra di camminare ma non raggiungere mai la meta, sto studiando lo spagnolo, cercando di stringere amicizie con pesone che vivono in Spagna chiedendo loro informazioni per quanto riguarda il lavoro. Sto cercando di inventarmi un lavoro che mi permetta di campare lontano da casa mia almeno per un pò ma niente sembra andare in porto , perchè a tutto questo devo aggiungerci la mia vita qui che devo in qualche modo portare avanti, coltivare perchè è l'unica che ho.

E' proprio vero il detto "tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare " eppure io vedo gente che trova questo coraggio e va, eppure io vedo ragazzi vivere vagabondando per il mondo magari anche solo per un anno. Vedo gente essere disposta a cambiare radicalmente la loro vita o almeno provare a farlo per amore di un cambiamento che sento dentro.

Vedo gente sentir nostalgia della famiglia ma poi lontano rimangono, in quel paese straniero che a dato loro qualcosa in più che li convince a restare.

A onor del vero conosco anche gente che ci ha provato e poi a caasa è tornato, ma credo che vadano premiati anche loro , almeno loro possono dire di averci provato.

Vorrei avere la libertà di dire " vado, provo e se non mi piace torno" . Ma credo che sia proprio questo il mio problema.... sarei in grado di gestire una sconfitta? il dover ammettere che ho provato e non ce l'ho fatta?

E allora mi convinco che forse è coraggioso anche rimanera, che forse è coraggioso anche sognare di cambiare la proprioa vita ma rimanere comunque con i piedi per terra.

E' una continua lotta tra" andare o restare" è avere paura di scottarsi ma avere bisogno di quel calore, adrenalina. E' sconfiggere la paura di andare e provare e se non va tornare...

Sogno un giorno di scrive un post per racontarvi che  ce l'ho fatta, ma se temi la fine non credo tu possa meritare nemmeno l'inizio Ilaria compresa.

ENRICA MANNARA ILLUSTRATRICE IN VIAGGIO GRAZIE PER QUESTA FOTO!