10. mag, 2020

Se vi state chiedendo se l'ho desiderato anche io un figlio la risposta è Si.

Se vii state domandando se le vostre foto con i vostri piccoli mi emozionano e un po' mi fanno diventare gli occhi lucidi.. Be la risposta è sempre si. 

Se vi state domandando cosa provo ad ogni festa della mamma, dico che provo rabbia perche viviamo in un paese dove un single non può adottare un bambino. 

Se vi state chiedendo il perché non ce  l' ho... 

Be è facile la risposta, non lo so...!!! 

Ma oggi vi voglio svelare un segreto : vi invidio di più la famiglia che il vostro ruolo da mamme. Vi 'invidio l'uomo che ha scelto di rendervi felice, di prendersi cura di voi.

Vi invidio il calore umano che solo l'abbraccio tra due genitori e un figlio può dare. Vi invidio il test di gravidanza e la gioa nel dirlo all'uomo che avete giurato di amare per sempre e lui a voi.

Vi invidio il " progetto" e essere riusciti a portarlo avanti, con momenti difficili magari, ma ci siete riusciti.

Vi invidio la domenica mattina tutti nel lettone, ma sicuro non vi invidio il lunedì mattina con colazioni da preparare, bimbi da portare a scuola e lavoro da svolgere 

Vi invidio, ma sempre di un'invidia buona, la possibilità che avete avuto di scegliere se farlo o no, scegliere di tenerlo o no un figlio. 

Ecco se proprio lo volete sapere la cosa che più mi domando in questo giorno di festa è :perché gli altri si ed io no?

Si lo so è una domanda che ci facciamo in tante ma in questo caso il detto "mal comune mezzo gaudio" non aiuta nessuno credetemi. 

È allora imi godo la possibilità di festeggiare ancora la mia mamma che è riuscita a realizzare il sogno di avere una famiglia bella come la nostra. 

 Mi godo mia sorella che è una mamma meravigliosa, mi godo le. Mamme dei miei bimbi a scuola che si emozionano per le poesie dette condividendo con me l'attimo vissuto.

Mi godo tutto questo... Ma un pizzico di amaro in bocca mi rimane. Magari lo ricopro con Baci perugina 

3. mag, 2020

DOMANI 4 MAGGIO 2020

FASE 2

Ma torniamo indietro a 59 giorni fa quando stavo per finire il turno a scuola e girava nell’aria qualcosa di incredibile.

Un virus si stava impossessando della nostra libertà, della nostra salute.

Era il 4 marzo e nessun di noi avrebbe immaginato cosa stava per succedere.

Il mondo stava per fermarsi.

Le scuole, le fabbriche, i negozi.

Le frontiere, gli aeroporti, la Sardegna , la Sicilia.

L’Italia intera.

Tutti fermi nessuno escluso, solo MEDICI , CASSIERI , FARMACISTI non hanno potuto scegliere ,mettendo in pericolo la loro vita per proteggere la nostra , hanno continuato a lavorare.

EMERGENZA SANITARIA passano i giorni PANDEMIA

Le dirette del capo del Governo, il numero dei morti, i contagi.

Bergamo al collasso.

Milano crea terapie intensive per aiutare gli ospedali limitrofi che stanno scoppiando di gente che muore.

La gente ne morirà tanta in alcuni casi anche MILLE AL GIORNO…

Si MILLE AL GIORNO !

Un momento storico che ricorderemo per sempre.

Come ci ricorderemo per sempre il non poter vedere i nostri genitori, ricorderemo per sempre gli abbracci che abbiamo dovuto ingoiare, i baci lasciati sospesi. E’ stato un momento dove tutto era fermo, dove non si poteva costruire nulla dove tutto ciò che pensavi era sopravvivere e sperare che nessuna persona cara venisse a contatto con questo virus…

59 giorni così Immaginando cio che non abbiamo potuto vivere , immaginando ciò che poteva essere ed invece non è stato.

59 giorni di incredulità, di pizza sfornata a casa , di ginnastica fatta per rimanere in forma. Di mani lavate, di mancanze, di lamentele perché stare chiusi in casa contro la propria volontà non piace a nessuno.

59 giorni dove alcune volte abbiamo perso la pazienza, dove siamo stati spesso messi a dura prova ma mai, e non mi stancherò mai di dirlo, come le persone che hanno continuato a lavorare.

59 giorni pieni solo di “mi manchi” di !non preoccuparti stiamo tutti bene” di “ come si potrà tornare a viaggiare ti raggiungerò”.

59 giorni di video chiamate, di aperitivi fatti al telefono con chi nonostante tutto è riuscito a starti accanto.

Chi si è perso? Evidentemente camminava in una strada diversa. È nella salita che si vede chi è disposto a rimanerti accanto.

E domani?

Domani dopo 59 giorni potremo rivedere i nostri genitori, i nostri fidanzati, potremo mettere piede fuori casa con Mascherine che nel frattempo sono diventate le nostre migliori amiche.

Le mascherine per proteggere gli altri NEL DUBBIO noi fossimo affetti ma ASINTOMATICI.

Domani alcune serrande si rialzeranno, le macchine nelle fabbriche ricominceranno a produrre, le casse dello stato spero inizino ad erogare ciò che ci spetta per diritto ma che ancora non ci è arrivato

Domani 4 maggio non torneremo ancora alla vita normale ma possiamo provare a rimettere in moto anche la macchina dei nostri sogni.

Sogno Leonardo e Lorenzo , la caciara del pranzo tutti insieme.

Sogno una carta d’imbarco , l’aereo la Sardegna.

Sogno il mare, lo spritz la pelle abbronzata e i tatuaggi in bella vista.

Sogno la possibilità di tornare a sognare, sogno di potermi muovere verso quella strada che mi porterà dove voglio, dove immagino essere tutto come speravo.

Domani 4 maggio saremo ancora in uno stato di Pandemia Mondiale ma da qualche parte dovevamo pur ricominciare.

Domani lo faremo…

Tornando a correre verso l'estate OVVIO 

22. apr, 2020

Viviana.

Sei mesi e sicuramente tanta vita davanti.

 

Viviana presa in uno dei momenti più difficili della mia vita, unico nel suo genere.

 

Viviana presa durante una pandemia che ci vede chiusi in casa da 48 giorni ,senza via di uscita se non quella di andare a fare spesa o comprare le sigarette.

 

Viviana di mille colori, nero, bianco, marrone. Tutti ben dosati, tutti ben bilanciati.

 

Viviana che appena l’ho vista mi è tornata in mente Palla grande , nera, sembrava una pantera con il suo modo tranquillo di vivere.

Lei invece sembra una pazza che non trova pace, ma sicuramente mi assomiglia di più.

 

Viviana che dopo essermi confidata con chi di dovere ho trovato il coraggio di portare nella mia casa abbassando per una volta le difese, Avvicinandomi dopo tanto tempo a qualcuno con tutti i rischi del caso.

 

Viviana che si chiama così per una scommessa persa, che si chiama cosi per scendere a compromessi o essere complici.

 

Viviana che mi fa compagnia , che mi ha fatto tornare a dire buongiorno anche se non ricevo mai risposta.

 

Viviana che già mi manca quando partirò ma so già che sarà un buon motivo per tornare a casa.

 

Viviana che abiterà la mia casa quando io non ci sarò. Che imparerà a non salire su tavolo ne nel mio letto.

 

Viviana che ha una sua mamma che non sono io ma prometto che le vorrò bene come si vuole bene ad un qualcuno che si ospita gentilmente nella sua casa,

 

BENVENUTA RAGAZZA

14. ott, 2019

ON LINE 6 lettere che messe insieme possono creare caos, panico ,batticuore.

Sei minuscole lettere che danno sempre l'illusione che potrebbe crearsi una connessione con l'altro.

ON LINE in linea, pronto, a completa disposizione.

ON LINE.

Avete mai aperto una conversazione in una qualunque chat che anima il vostro cellulare e vi siete ritrovati a leggere ON LINE ma quella persona non stava scrivendo a voi ?

Be non ditemi che non avete detto tra voi e voi :" con chi starà parlando?" e che sia vostra madre, la vostra amica del cuore, la collega, il capo il fidanzato, l'amante sicuramente vi sarà rimasta la curiosità di scoprirlo, ma in qualche caso vi sarà rimasto anche l'amaro in bocca.

Avere qualcuno " on line" che non interagisce con noi crea sempre un pò di scompiglio, crea sempre un terremoto interiore che non sempre è facile da tenere a bada...

 Vuoi mettere invece la bellezza del "STA SCRIVENDO" ?

Sta scrivendo significa che la persona che ci sta scrivendo sta , nel bene o nel male, connessa con noi che poi siano belle o brutte notizie diciamo che fa poca differenza ,forse,  però quella persona è proprio con noi che vuole connettersi.

Perchè l'essere umano è di questo che ha bisogno di connessioni che si trasformano in " sta scrivendo" perchè il messaggio che arriverà produrrà un qualcosa che in minima parte ci trasformerà, perchè il messaggio che arriverà potra' regalarci tante emozioni e noi non saremo più gli stessi.

ON LINE è quell'indifferenza silenziosa che logora i rapporti che si stanno gia' chiudendo, che lascia dubbi, che lascia l'amaro in bocca.

STA SCRIVENDO non è mai indifferenza è sempre e comunque dimostrazione di interesse, di voglia di interagire con quella persona nel bene e nel male.

Quindi vi auguro rapporti che abbiano come protagonista 'STA SCRIVENDO'invece che  'ON LINE.'. Ma soprattutto vi auguro di non svegliarvi  MAI in piena notte accedere ad una delle chat che animano il vostro cellulare e trovare il tipo o la tipa che vi piace ON LINE perchè a quel punto la notte in bianco si insinuerà nel vostro letto insieme ai pensieri e anche la persona che generalmente dorme come un ghiro avrà  a sensazione di avere due mollette che tengono aperti gli occhi.

STA SCRIVENDO...non ci serve altro per essere connessi. 

   

10. ott, 2019

Li ho contati ieri sera sono esattamente 21, quasi tutti fatti su un braccio, quasi tutti fatti nella parte sinistra del corpo quella del cuore.

Il primo mi fu regalato, ricordo ancora la paura quando mi sedetti su quella sedia, il dolore provato ma anche la gioia nel farlo. Il primo una piccola tartaruga con un quadrifoglio  a simboleggiare la fortuna. L'ultimo un piccolo aereo in via di decollo, in mezzo la mia vita.

21 tatuaggi che stanno a significare tappe important vissutei che in qualche modo mi hanno cambiata, si li faccio proprio nel momento in cui sento che ciò che sto vivendo mi sta cambiando un pò. Ognuno di loro sta li fermo in bella vista a ricordarmi che una volta ero una piccola Ilaria diversa da ciò che sono oggi, stanno li a ricordarmi che chi si ferma è perduto.

Non li ho fatti per mettermi in mostra ( o forse inconsciamente si ) li ho fatti per me.

Io che lavoro in un asilo alcune volte vedo mamme guardarmi e spesso mi sono chiesta cosa realmente possano pensare, Io che lavoro in un asilo vedo i miei bimbi guardare il mio braccio disegnato ed essere incuriositi. Nel 2020 si può vivere anche senza fregarsene molto del giudizio degli altri, facendo esattamente come fanno i bambini.

Io valgo indipendentemente dalla mia pelle colorata, disegnata quella è solo un valore aggiunto, quella è soltanto un qualcosa in più che non toglie nulla allla mia testa al mio modo di pensare. Eppure lo vedo che le persone mi guardano e pensano " chissà poi quando sarà vecchia se si piacerà" si lo farò perche in realtà non vorrei essere in nessun altro modo.

Perchè in realtò quando mi specchio io non li vedo più i miei tatuaggi ma in realtà vedo ancora cm di pelle dove poter esprire ciò che forse non riesco a raccontare a parole o con le mie azioni. I tatuaggi mi piacciono, su di me su tutti gli altri, mi piace guardarli e pensare che cosa significheranno per le persone che hanno deciso di portarli perchè dietro ad ogni tatuaggio si nasconde un pensiero, un sentimento un concetto. Nessuno si fa, spero, un tatuaggio tanto per farlo perchè quello sarebbe veramente una cosa non tanto sensata.

21 tatuaggi, 21 momenti dove ritrovarmi, rifugiarmi, gioire, ridere, piangere. 21 tatuaggi per avere sempre con me tutte le ILARIA che sono riuscita a vivere in questi 40 anni di altalena  e di ,in alcuni momenti ,monotonia.

Ringrazio Massimiliano , il mio tatuatore, che si prende la briga con immensa professionalità di imprimere per sempre ciò che voglio sulla mia pelle, e lo fa con discrezione senza chiedere mai nulla. Perchè imparate gente non si chiede mai il perchè di un tatuaggio.

21 tatuaggi numero dispari perchè è cosi che la leggenda li vuole, dispari per  far sapere a tutti che sono finalmente si sono forse tornata a casa.